#SOStienitalos2015 scende in piazza tra la gente.

E coinvolge tutti. Ma proprio tutti…

Ebbene si, siamo spariti per un pò dal blog, ma l’organizzazione della strategia del crowdfunding ci sta impegnando parecchio, nè eravamo preparati a questa improvvisa valanga di testimonianze da gestire. Insomma, ne abbiamo fino al collo.
Ma ricapitoliamo gli eventi di questi primi giorni di settembre. È pur vero che sui social e sul web abbiamo raggiunto una buona visibilità, ma queste iniziative devono anche viaggiare tra la gente nel mondo “reale”. Così noi di La Capagrossa Coworking abbiamo approfittato della splendida manifestazione della Notte dell’Arte organizzata a Corato (Ba) nello scorso weekend (5 e 6 settembre 2015), dove ci siamo posizionati con il nostro banchetto delle grandi occasioni per dare visibilità al nostro crowdfunding in favore del Talos Festival. È stato bello interagire con persone nuove, raccontare loro del nostro progetto e scorgere il loro sincero interesse e rispetto nei confronti dell’impegno mostrato per sostenere un evento ormai radicato nella tradizione culturale ruvese. Con le nostre stampe artigianali abbiamo attirato l’attenzione di un signore ormai in pensione, Peppino Faretra, insegnante di Educazione Artistica, che nonostante non disponesse dell’e-mail, ha voluto lasciare la sua firma sulla nostra bacheca come testimonianza del suo sostegno.

I nostri sostenitori alla Notte dell’Arte di Corato (5-6 settembre 2015)

Domenica 6 settembre, i volontari del Talos Festival, che ci hanno dato da subito disponibilità ad aiutarci nelle iniziative pratiche, hanno partecipato ad un’altra fantastica manifestazione musicale, Il Jazz italiano per L’Aquila. Uno splendido appuntamento voluto dal ministro Franceschini e organizzato da Paolo Fresu, che ha riunito i jazzisti di tutta Italia a sostegno della città ancora martoriata dal terremoto. Ed ha avuto un enorme successo.

Foto SIAE.

Nella splendida cornice de L’Aquila, i nostri volontari sono riusciti a coinvolgere alcuni nomi noti nel panorama jazzistico italiano, che hanno abbracciato volentieri la nostra causa e che ringraziamo affettuosamente.

Da sinistra: Cristiano Calcagnile, Raffaele Casarano con Mirko Signorile, Lorenzo Feliciati.

Da sinistra: Cristiano Calcagnile, Raffaele Casarano con Mirko Signorile, Lorenzo Feliciati.

Ed in tutto questo marasma di foto da gestire e montaggio video per la pubblicazione, quasi non ci siamo accorti che le donazioni hanno superato la soglia dei

1000 euro!

Il nostro obiettivo ultimo è ancora molto lontano, forse irraggiungibile visti gli stretti tempi a disposizione, ma per noi è un grande traguardo perchè in 15 giorni siamo riusciti a catturare l’attenzione di un elevato numero di persone (anche molto molto lontane… 😉 ) e tra queste, molte hanno aderito alla nostra causa. E se hanno aderito vuol dire che ci credono, e se ci credono, noi abbiamo centrato il nostro intento: far amare, appassionare la gente ad un festival musicale che trasmette grandi emozioni.

E le emozioni che restituisce la musica, non hanno prezzo.

Resta in collegamento sui nostri social per conoscere le nostre iniziative a favore del Talos Festival. E se puoi dona anche tu su

http://www.buonacausa.org/cause/sostienitalos2015

Annunci

Supporters alla carica!!

Non è trascorsa neanche una settimana dall’avvio della campagna di crowdfunding #SOStieniTalos2015 e abbiamo già un discreto numero di supporters in attivo!

Ringraziamo tutti per le donazioni ricevute, ma abbiamo ancora bisogno di voi: ci servono le vostre condivisioni!! Ma lo sapete che col primo video pubblicato, abbiamo raggiunto più di 10.000 persone?? Voi siete la eco del grido #SOStieniTalos2015!

Papaceccio

Due giorni fa abbiamo avuto la fortuna di incontrare Papaceccio, poliedrico artista musicale del nord barese, noto dj, cantante e musicista, fortemente attivo nella composizione di colonne sonore per cinema e teatro. Ha abbracciato molto volentieri la nostra causa, regalandoci uno scatto-testimonial!

Ancora prima Michele Jamil Marzella, trombonista, arrangiatore e direttore d’orchestra che segue il filone della musica tibetana, ci ha regalato un simpatico video-selfie.

E che dire di Corrado Beldì, direttore artistico del Novara Jazz, che col suo esilarante video ci ha ricordato che in qualsiasi luogo ci si trovi, si devono sostenere le buone idee.

Ecco, loro sono l’esempio e noi ne vogliamo altri ancora! Siamo sicuri di non essere soli in questa sfida dove ormai non c’è più solo la faccia, ma soprattutto il cuore.

E al grido di #SOStieniTalos2015 vi invitiamo a donare il vostro contributo!

http://buonacausa.org/cause/sostienitalos2015

#SOStieniTalos2015 is starting!!

Sapete che il Talos Festival quest’anno avrà un’edizione speciale?
Vorreste sentirvi parte di un Festival Internazionale?

Quest’anno ognuno di noi potrà essere parte del Talos Festival.

‪#‎SOStieniTalos2015 è la campagna di raccolta fondi che lanciamo per sostenere un festival che da sempre ha affascinato il pubblico locale ed internazionale.

Ci siamo sentiti particolarmente vicini al messaggio che vuole veicolare, dove l’aggregazione crea un valore aggiunto inestimabile.

Vogliamo coinvolgere tutti quelli che come noi vogliono sentirsi parte della banda: tutti gli strumenti formano la melodia e ognuno di questi ha un ruolo fondamentale.
Ognuno di noi può avere un ruolo fondamentale.

Dona ora e scopri di più su http://www.buonacausa.org/cause/sostienitalos2015

#machecowovuoi @ #talosfestival

Esordiamo nel blog con questo primo articolo riguardante la nostra partecipazione alla serata di ieri (13 settembre 2014) al Talos Festival. Per partecipazione non intendiamo che eravamo lì sul palco con i grandi musicisti internazionali (anche se qualcuno di noi avrebbe voluto esserci).

Eravamo in un angolino nella zona di accesso degli spettatori al palco, con il nostro banchetto, il faretto, il nostro logo, i cartelloni, tutte le suppellettili che utilizziamo per essere attrattori di gente. E soprattutto avevamo un pacco enorme di fogli colorati pronti per essere distribuiti.

I nostri fogli A4 fluo con stampa fronte/retro riproducevano lo schema di un origami, l’antica arte giapponese del piegare la carta.

10698460_1531314580418034_96284865743730302_n

Dopo le iniziative precedenti (Polaroid e Ruvociclando) svolte durante Ruvolution (manifestazione estiva culturale promossa dal Comune di Ruvo di Puglia), durante la quale abbiamo avuto modo di interagire con la gente, per il Talos Festival abbiamo pensato ad un modo diverso di coinvolgere la festante folla musicale in rapido passaggio verso il concerto. L’idea è stata quella di consegnare un qualcosa che attirasse l’attenzione e creasse curiosità immediatamente, tale da non essere gettato via come un comune volantino, ma che meritasse una considerazione più approfondita… dopo il concerto.

Ed ecco l’idea dell’origami marchiati #machecowovuoi. Tre figure da realizzare ognuna con un significato ben preciso.

La barchetta: l’avventura. La volpe: l’astuzia. La cicogna: la nascita.

Tre elementi necessari per chi voglia comprendere l’ottica di un coworking.

Nel marasma generale del pubblico pagante in transito verso Piazzetta Le Monache, abbiamo distribuito fogli colorati a chiunque: adulti, piccini, ragazzi, ruvesi, pugliesi, stranieri… Tutti avevano in mano il nostro foglio colorato. Poi ci siamo goduti il concerto (meraviglioso) anche noi.

Abbiamo poi provato ad immaginare quelle persone che tornando a casa, rimettendo una mano in borsa o in tasca, trovano il nostro foglio fluo con le istruzioni per realizzare l’origami, che riescano a dare forma alla figura e che ci regalino un sorriso e la loro attenzione.

Il coworking è fatto di piccole esperienze, di speranze, di condivisione di valori, della compartecipazione di ognuno, di sinergia e relazione tra la gente. Il nostro obiettivo è creare un coworking e ci serve il vostro appoggio.

Nel coworking non si trova il lavoro, lo si crea.

Le foto della serata sulla nostra FB FanPage.